Preparazione della casa

La preparazione della casa non è assolutamente un dettaglio da trascurare in quanto il passaggio allevamento – nuova famiglia si rivela spesso stressante per il cucciolo; ecco perché, appena varcata la soglia, dovrete concedergli del tempo per esplorarla (sotto la vostra supervisione) riducendo al minimo il contatto con bambini, altri animali ed estranei.

Al suo ingresso dovrete già avere pronti alcuni importanti oggetti quali:

-cuccia

-giocattoli

-ciotole

-trasportino

 

CUCCIA

Fin dal primo giorno a casa, occorre che il nuovo arrivato capisca subito quali saranno i suoi spazi e in particolare dove dormirà. Di solito i cuccioli preferiscono gli spazi raccolti in modo da potervisi rifugiare quando si sentono troppo stressati (in questi casi occorre non disturbarli); ricordate che il trasferimento dalla cucciolata alla vostra casa è un’esperienza abbastanza sconvolgente, ecco perché è molto importante posizionare il suo giaciglio in un posto dove potrà sentirsi al sicuro, in modo che realizzi di avere uno spazio tutto suo da usare come rifugio oltre che per dormirci.

Ai cuccioli spesso piace poter dormire in spazi ristretti, quindi optate per una cesta (evitate quelle di vimini, a molti piace rosicchiarle!), imbottita e con la fodera esterna rimovibile per poter essere lavata; i primi giorni si sentirà rassicurato se gli metterete vicino una borsa d’acqua calda.

Almeno le prime notti va bene che il cucciolo dorma nella vostra stanza, ma NON sul vostro letto perché altrimenti si creerebbe un precedente difficile da dimenticare e il cucciolo ha invece bisogno dei suoi spazi esattamente come voi.

Fate attenzione che possa servirsi facilmente della toilette (qualche foglio di giornale), ma mettete già in conto che durante queste prime notti il cucciolo sporcherà e vi sveglierà con il suo piagnucolio.

 

GIOCATTOLI

I cuccioli preferiscono pupazzetti soffici rivestiti in lana grezza (a differenza degli adulti che invece amano le palle di gomma dura); fate attenzione alle dimensioni: devono essere abbastanza grandi perché non le possa inghiottire.

Non dategli ossa vere (possono causare soffocamento o lacerazioni di stomaco e intestino a causa delle schegge, vedi la sezione “Alimenti tossici per il cane”) o oggetti come scarpe vecchie in modo che non pensi che TUTTE le scarpe possano essere mordicchiate.

 

CIOTOLE

Le migliori sul mercato hanno bordi in gomma, sono di acciaio inossidabile e hanno la base antisdrucciolo. Se è un futuro cane taglia grande o ha orecchie lunghe, allora servono ciotole che restino sollevate dal pavimento.

 

TRASPORTINO

È un accessorio indispensabile e non solo per il trasporto. Deve essere abbastanza grande da permettere al cane di girarsi di 360° al suo interno. Stendete sul fondo un asciugamano morbido o una coperta per renderlo più comodo, insieme a qualche giocattolo per renderlo più familiare.

Per abituare il cucciolo lasciatelo all’interno per un po’ di tempo e, per fare in modo che associ questa “reclusione” a qualcosa di positivo, dategli un biscotto (rinforzo positivo). Attenzione a non cedere ai suoi “capricci”: se abbaia, fatelo uscire solo quando smette di farlo.

Nota Bene: il trasportino è il luogo adatto per schiacciare un pisolino, non una stanza giochi o un box. Un buon padrone non vi lascerà mai il proprio cane per troppo tempo.

 

 

 

 

Scarichi non autorizzati

Se decidete di prendere un cucciolo, sappiate che non è assolutamente un dettaglio da poco il fatto che, per i primi tempi, sporcherà sicuramente la vostra bella casa. Il cucciolo fino a circa 4 mesi di età non è in grado di gestire i suoi bisognini in quanto non ha ancora il controllo dei suoi sfinteri muscolari; ecco perché durante i primi mesi il nuovo arrivato urinerà e defecherà in giro.

Come si può cercare di arginare il problema?

Provate innanzitutto a portare fuori i cuccioli con frequenza regolare, adibendo a gabinetto un preciso spazio esterno. In casa invece, dato che i cani tendono a tornare sul ‘luogo del delitto’, pulite immediatamente via ogni deposito di urina per cancellare così ogni traccia di marcatura territoriale. Subito dopo aver bevuto, sicuramente il piccoletto sporcherà, provate quindi a metterlo su alcuni fogli di giornale nella speranza che si liberi lì; se sporca nel posto giusto, utilizzate il rinforzo positivo (complimenti e bocconcini premio) in modo che passi il messaggio ‘posto giusto = ricompensa’.

Nota Bene: a meno di coglierlo sul fatto, non sgridate il cane (soprattutto se cucciolo) se fa pipì in casa: il rinforzo negativo non funziona assolutamente e il nostro amico a quattro zampe non è ancora in grado di associare la punizione al misfatto!